Benvenuti nel nostro sito web

La prima a tradurre le regole di basket in Italia fu Ida Nomi, che lo chiamò "palla al cerchio".

Un altro pioniere della pallacanestro italiana fu Guido Graziani, che si era laureato negli Stati Uniti e lì aveva assistito a diverse partite di basket. Durante la prima guerra mondiale, lo insegnò alle forze armate e organizzò la prima vera e propria partita italiana di basket, nel 1919. Il primo campionato di pallacanestro del nostro Paese si svolse l'anno successivo. Dopo aver raggiunto un picco di diffusione negli anni Trenta, la pallacanestro in Italia venne quasi dimenticata negli anni della Seconda Guerra Mondiale. Negli anni successivi, conobbe una ripresa grazie all'opera di Elliot Van Zadt, un ex militare che fu chiamato a essere commissario tecnico della nazionale italiana nel 1947. In pochi anni, il basket tornò ad essere uno sport molto in voga, e nelle squadre italiane apparvero giocatori di grande talento come Gianfranco Pieri, Sandro Riminucci, Antonio Colebotta, Paolo Vittori e Gabriele Vianello.

Nel 1955, sotto la guida dell'allenatore McGregor, la nazionale italiana riuscì ad aggiudicarsi la medaglia d'argento nei Giochi del Mediterraneo, ma è in seguito alle Olimpiadi di Roma, nel 1960, che il basket inizia ad avere una diffusione più capillare.  Lo stile di gioco si è modificato con gli anni, diventando più spettacolare e attirando un grande pubblico.  Gli anni Settanta vedono i successi della nazionale femminile, ma è nel decennio successivo che il basket italiano conosce un periodo magico, segnato dalle vittorie dei club nostrani in competizioni internazionali, che annoverano tra le proprie fila anche giocatori dell'NBA

Il basket è, al giorno d'oggi, il secondo sport più praticato in Italia e i nostri giocatori e allenatori sono rinomati a livello internazionale.

Chi siamo

Old Star Game
è un format e un marchio registrato di proprietà dell'agenzia We for You Events&Communication ideato per unire Sport&Solidarietà.

L'evento itinerante si propone a tutte le società professionistiche e tifoserie delle più importanti città Italiane ai vertici della Pallacanestro Nazionale, che vogliono memorare i loro campioni del passato e dare nuovo interesse ed entusiasmo alle piazze che vogliono tornare ai vecchi fasti. 

L’incasso della manifestazione è devoluto in beneficenza alla Fondazione Operation Smile Italia Onlus.

La prima edizione si è tenuta il 10/01/2016 nella città di Reggio Calabria al PalaCalafiore in occasione dei 50 anni della Viola Basket Rrggio Calabria.

Old Star Game 2016 - 50 anni neroarancio in un solo giorno

Old Star Game 2016 - 50 anni neroarancio in un solo giorno - OLD STAR GAME

Il Cinquantesimo Anniversario della Viola Reggio Calabria meritava un evento speciale e così è stato. La prima edizione dell'Old Star Game  ha regalato una parata di stelle, un insieme di ricordi e di emozioni che fuoriescono dalla memoria e per una sera calcano, tutti insieme, nuovamente il parquet del PalaCalafiore. Cinquanta sono gli anni della Viola fondata nel 1966 dall’indimenticato Piero Viola. Presenti negli spalti il fratello, Giuseppe Viola e l’ingegnere Giovanni Scambia, due veri capisaldi dall’epica storia neroarancio.

Protagonisti assoluti dell’evento i giocatori, Attruia, Avenia, Bianchi, Tolotti, Hughes, Hugo Sconochini, Lamma, Li Vecchi, Spangaro, Giuliani, Grappasonni, Famà, Porto, Laganà, e lo storico capitano Sandro Santoro. Unanime il pensiero delle ex stelle: “La Viola per noi è stata una tappa fondamentale sia per la nostra carriera che come uomini” Il coach dei neroarancio "paron" Tonino Zorzi assistito da Gaetano Gebbia e Massimo Bianchi, non si è risparmiato con i suoi giocatori, riprendendoli e rimproverandoli nella varie fasi di gioco. Tra le file dell Nazionale Italiana Basket Master di Coach Alberto Bucci e Giuseppe Ponzoni, anch’essa ricca di campioni, due su tutti Antonello Riva e Roberto Brunamonti che ancora oggi dimostrano dei fondamentali da fare invidia a qualsiasi giocatore di basket.

  

 - OLD STAR GAME

La città ancora una volta ha dimostrato di avere “fame” di basket e di non aver dimenticato chi ha reso possibile la storia cestistica di Reggio Calabria. Strepitosa anche la coreografia della Curva “Massimo Rappoccio”, ricca di bandiere storiche, come i cori intonati a favore di Santoro, Avenia, Sconochini, Tolotti, Attruia, Lamma e tanti altri campioni che hanno riportato indietro nel tempo la memoria di tutti i tifosi reggini.L’incasso dell’evento organizzato da Ale Nava, presidente dell' Associazione Culturale "Uniti per un Sorriso" è stato devoluto alla Fondazione Operation Smile Italia Onlus, partner benefico della manifestazione, presieduta da Santo Versace. Una doppia valenza per questo straordinario, entusiasmante e riuscito appuntamento con la storia.La scenografia allestita all'interno del PalaCalafiore, ha dato il via ad un'atmosfera suggestiva e nostalgica con le divise più storiche, dalla Panasonic alla Pfizer, passando per la Standa e Banca Popolare sino alla Cestistica Piero Viola.

 - OLD STAR GAME

In campo è stata una festa ma anche tanto basket con la Nazionale Master che ha dimostrato di essere squadra collaudata e che ha ottenuto successi importanti come il titolo Europeo e nella Wolrd Champions League. I 2500 spettatori del PalaCalafiore osservano le giocate di uno Sconochini leader emotivo dell’evento, top scorer della partita è stato Davide Lamma con 24 pt.  Nell’intervallo foto, autografi e tanti applausi per tutti . Reggio e la Viola rivivono la propria storia guardando forse anche con più fiducia al futuro in cui proprio la Viola di oggi vuole essere protagonista. La partita termina con il punteggio di 81 a 90 per la Nazionale Master, ma per una festa così il risultato non conta.

 VAI ALLA GALLERY FOTO E VIDEO SULLA PAGINA FB UFFICIALE OLD STAR GAME

 

 

[an error occurred while processing this directive]